10-15 Novembre 2013: Esercizi spirituali

Gli esercizi spirituali di quest’anno, guidati dal padre gesuita Daniele Libanori, hanno avuto un taglio prettamente ignaziano. Durante i primi due giorni ognuno è stato invitato a rileggere il proprio libro della vita attraverso alcuni suggerimenti aventi come base i primi capitoli del Genesi. Sono state poi le figure di Abramo e di Mosè ad aiutare la riflessione, fino ad arrivare ai grandi temi della missione e dell’evangelizzazione attraverso numerosi passi del Nuovo Testamento. Il predicatore ha ricordato che il successo dell’apostolato si misura sulla fedeltà al Signore, sulla fedeltà alla profezia evangelica, per questo l’unico mezzo indispensabile per annunciare il Vangelo è la coerenza di vita. Parlando infine dell’essere pastori non si è potuto non considerare il notissimo testo di Gv 21, da cui emerge che è l’amore la condizione per pascere il gregge, infatti solo un innamorato di Dio mostra Dio e le reazioni possibili davanti a un tal uomo sono due: venire attratti o osteggiare.